Page 26 - UNC 2-2020
P. 26

                                   “Io sono la risurrezione e la
vita”... Ognuno di noi, in questo
periodo particolarmente difficile,
per la lontananza dagli affetti, per
la preoccupazione di parenti e amici situati nelle zone rosse, per il grande numero di vittime che questo virus ha determinato, per la paura di perdere tutto, per i problemi economici, ha sperimentato che non siamo soli ...
Il Signore ci ha guidati in un percorso di crescita spirituale per ritrovare
noi stessi, per uscire da quella vita frenetica – caratterizzata dal “non ho tempo...” – e risorgere, riscoprendo
la bellezza del creato emozionandosi nell’assistere alla fioritura di alberi spogli; riscoprendo l’importanza della
 d’arte da lontano. E noi siamo tutte opere d’ar- te nelle mani di Dio.
Abbiamo imparato che i nostri anziani non vanno a fare la spesa una volta a settimana, ma escono anche più volte al giorno, una vol- ta per il pane, un’altra per il latte e non solo perché così la busta è più leggera da portare, ma perché assieme alla spesa comprano anche la chiacchierata con i vicini, con il negoziante. Togliere questi valori relazionali è molto costo- so, perché è molto più ampia l’espressione di Gesù “non di solo pane vive l’uomo”, non solo di merce da consumare, ma si vive soprattutto di quell’amore che abita le relazioni. Questo lo sa molto bene chi in questi giorni, invece che vedersi recapitare la merce dal corriere o per posta, riceve le scatole di cibo portate a casa dai volontari.
Ma abbiamo scoperto anche tante abilità na- scoste che avevamo perso o dimenticato, ad esempio a fare il pane o la pasta, a cucinare cose sempre più buone, a guardare angoli di casa che avevamo dimenticato e magari siste- marli, a fare riunioni online capendo che in
fondo alcuni lunghi viaggi inutili possiamo risparmiarceli anche per il futuro. Abbiamo imparato ad utilizzare il computer per seguire i nostri figli nella didattica a distanza e forse abbiamo cambiato opinione sugli insegnan- ti che li seguono ogni giorno. Abbiamo fatto
 26 UNITà NELLA CARITà






















































































   24   25   26   27   28