Page 37 - UNC 3-2020
P. 37

                                   i della Casa don Ottorino a Don Torcuato Don Luigi al lavoro nella sua stanza
Possiamo applicare a lui quanto San Paolo ci dice nella prima lettera ai cristiani di Corinto: “Annunciare il Vangelo per me è una necessità. Guai a me se non annuncio il Vangelo! Mi sono fatto debole con i deboli, per guadagnare i deboli; mi sono fatto tutto per tutti per salvare a ogni costo qualcuno”.
E come dice Gesù: “Io sono il pastore buono e do la mia vita per le pecore.”
Questo ha incarnato don Luigi nella sua vita. Ora che ha varcato la maestosa grande porta
del Paradiso, mi piace ricordarlo così e portarlo con me come parola che Dio mi dice attraverso il suo esempio, come testamento da vivere. Sono certo che ad accoglierlo, con le braccia aperte e con un divino sorriso, sulla soglia c’e- ra Maria, la sua e nostra Mamma, e gli avrà detto: “Bene arrivato, tanto caro e amato figlio mio; non vedevo l’ora di abbracciarti e confermarti il mio amore. Vieni da Gesù; anche lui fa festa per la tua venuta. Staremo insieme per sempre”.
don Venanzio Gasparoni
  GRAZIE, Don LUIGI
Caro don Luigi, la tua vita è stata un dono pre- zioso per tutti noi.
Come fedele discepolo di don Ottorino, tra- smettevi gioia, ottimismo, speranza, fede, amore. Attorno a te, dovunque tu fossi, creavi sempre clima di famiglia.
Sei stato un pastore instancabile vicino alla gente, disponibile a tutti in qualsiasi ora del giorno e della notte.
Non avevi tempo per te ma solo per gli altri. Vivevi per loro, soprattutto per chi aveva biso- gno del tuo aiuto: i poveri, gli ammalati, i sof-
ferenti, per chi era nel dolore per la perdita di una persona cara.
Sei stato un innamorato della Madonna, che hai sentito come la tua vera Mamma. Di Lei hai conosciuto tutta la tenerezza che la tua mam- ma terrena, partita prematuramente per il Cie- lo, non aveva potuto darti.
Siamo grati al Signore e anche a te per quello che sei stato per tutti noi e per tanti che ti han- no conosciuto.
Ciao, don Luigi, e arrivederci in Paradiso.
Familiari e Famiglia di don Ottorino
 UNITÀ NELLA CARITÀ 37


















































































   35   36   37   38   39