Figlioli, state attenti, mettetevi in testa questo: se prima non è passato Dio, la parola dell’apostolo non converte. È inutile che vi mettiate in testa di far le cose in forma umana: bisogna che prima passi un Altro, quest’altro però con l’A maiuscola! Specialmente nel campo apostolico, se non è passata la grazia di Dio, non si fa niente, ma niente, niente, niente!

 

Ecco perché Lacordaire diceva: “Se volete convincere gli eretici mandateli da me, se volete convertirli mandateli dal Curato d’Ars”, perché il santo Curato d’Ars mandava avanti la grazia.

 

Eh, i santi…! Perché i santi riescono a convertire? Perché hanno un calore tale che smuove le coscienze.

 

Supponiamo che io sia santo e cominci a parlare con uno di voi: la grazia di Dio che è in me è talmente forte che prima che io mi avvicini lo colpisco e lui sente che c’è qualcosa. Che cos’è? È lo Spirito Santo che va avanti.

 

Il santo è pieno di Spirito Santo e questo Spirito di Dio precede l’uomo di Dio che perciò ha un raggio, una cerchia di calore che lo precede; ma se non c’è questo, tutto è inutile, tutto è inutile! È come buttare un fiammifero sopra un secchio d’acqua: se lo butti in un secchio di benzina salta per aria tutto, nel secchio d’acqua non succede niente.